“Basil” entra nel Club dei lettori solitari

basil-light-673x1024
Quando ho iniziato a leggere Basil (Fazi Editore, 2017), il mio primo romanzo di Wilkie Collins, avrei dovuto sapere che sarei corsa ad acquistare anche gli altri: dalle prime pagine che contengono la lettera di dedica “all’illustrissimo Charles James Ward” traspare l’amore per la narrazione, per la commistione equilibrata fra realtà e invenzione, per la costruzione dei personaggi.

Basil, pubblicato nel 1852, fu il secondo romanzo scritto da Collins (dopo Antonina nel 1850) e venne condannato dai lettori “come un oltraggio al loro senso del decoro”, come afferma lo stesso autore nel 1862 ribadendo la consapevolezza con la quale, dieci anni prima, ideò e scrisse questa storia. Ma nonostante l’avversione iniziale della critica, dopo questi dieci anni Basil si era già fatto strada ricevendo il favore del pubblico e permettendo a Collins di inserirsi fra i grandi romanzieri dell’Ottocento.

Continua a leggere