I capelli di Harold Roux

Per cominciare: “I capelli di Harold Roux”

Il potere della narrazione dentro la narrazione

Il primo post è il più difficile perché è l’inizio di tutto. Ma come si fa a iniziare a parlare di libri scegliendone solo uno? Quale? L’ultimo letto, l’ultimo acquistato o l’ultimo abbandonato?

Deciderò di partire da un romanzo recentemente acquistato grazie alle segnalazioni sulla pagina Facebook dell’editore che, complice anche la grafica delle sue copertine, riesce spesso a convincermi che ne valga la pena.

Ho iniziato a leggere I capelli di Harold Roux di Thomas Willliams (Fazi Editore, 2015) solo dopo alcune settimane, non subito perché avevo i miei motivi, uno di questi è che solitamente acquisto i libri non appena ne vengo attratta: mi piace il titolo? Adoro l’autore? La trama è interessante oppure la copertina è così bella da esporre… devo averlo subito, non importa se nel frattempo sto leggendo altro. Così, con l’aiuto dei giorni di vacanza natalizia, mi ci sono buttata ed è stata subito una gran fatica.

Continua a leggere